ARTE

Rassegna critica


Un disegno-presentazione di Luigi Ontani

Giorgio Crisafi, pur operando con l'argilla e il fuoco, elementi tipici del mondo della ceramica, utilizza materiali e tecniche inusuali, portando un suo contributo originale a questa antica arte.
Nino Caruso

Distanti, quasi siderali ma vicine al tempo stesso. Le opere -sculture e bassorilievi- di Giorgio Crisafi hanno tra le altre anche la qualità di unire gli opposti: possiedono e comunicano una sorta di preziosa aristocraticità, qualcosa di ritrosamente distaccato che al primo impatto visivo ci tiene a rispettosa distanza ma che poi lascia il passo alla voglia di accarezzare quelle forme così misteriose e levigate, tali di diventare facilmente oggetti del desiderio.
Gabriele Simongini

Ci sono, tra le sue sculture allegoriche, configurazioni di maschere, di animali e uomini mischiati ad essi, totem, guerrieri, principesse, santi…, tutte ricamate da decori di una minuta scrittura simbolica ; il cuore e l’anima di questo artista guardano al passato, ad un nobile passato, alle nobili fiabe. Miti, leggende, novelle, epopee di racconti immaginifici, metaforici, araldici, a sfondo celebrativo etico o forse anche semplicemente affabulatorio. 
Bruno Ceccobelli 

C’è invenzione e una “bravura” carezzevole nel comporre le varie forme. A cominciare con Drago a Cavallo così felicemente arcaica e moderna insieme. E’ anche suggestiva al massimo Vipera… con la colata gialla “preoccupante” e velenosa. E l’araldica: Araldodidio così tesa e elegante. E il vero incanto di Soltanto Incanto… con quel Azzurro allusivo a sogni positivi. 
Giosetta Fioroni

Se proprio dovessimo riferire il lavoro di Giorgio Crisafi a un luogo d' avvio linguistico, non resterebbe che il lato piu segreto del surrealismo, quello che sembra ancora adesso tracciare nel cielo interiore di ciascun individuo il brillìo delle costellazioni popolate da creature che narrano il tempo dell'inizio o, per dirla con Paul Klee, il cuore della creazione. 
Fulvio Abbate
 
Sculture in ceramica che risentono di suggestioni differenti, dalla rude essenzialità dell'arte barbarica alle preziose lucentezze dei gioielli bizantini. Forme arcaiche rivisitate con un pizzico di modernità dove ritroviamo la forza visionaria di Leoncillo e il rigore delle ceramiche orientali.
Ludovico Pratesi

Crisafi attua il vigore dell'irrealtà, della scena teatrale, dell'immaginario. La sensualità rigogliosa dei colori, questa tavolozza piena, esuberante anche quando foggia opere monocrome, è una dissimulazione di profonda coscienza. I suoi sono personaggi che "di certo percorrono i suoi sogni, li veste di polvere..." come scrive il poeta-amico Stefano Simoncelli. 
Marisa Zattini

Sono creazioni smaglianti: anche le parti brune risultano investite di una luce che amerei definire orfica; nata da un arcano suggerimento che attiene contestualmente alla sfera psichica e a quella della teoresi congetturante. Certi coraggiosi accostamenti cromatici mi ricordano, d'istinto' pur trattandosi di scultura, qualcosa delle composizioni astratte dell'ucraina Sonia Terk Delaunay. 
Renato Civello

Giorgio Crisafi traduce la Natività attraverso una sintesi astratta di matrice metafisica, espressa con una scultura in ceramica in toni verdi e titolata Madonna del cordellone. Simbolo di povertà il cordellone unisce idealmente l'essere terreno e quello ultraterreno, divenendo metafora di vita spirituale. Come, parallelamente, il cordone ombelicale unisce il feto alla madre nutrendolo e preparandolo alla nascita. 
Andrea Baffoni

Come da attore Giorgio Crisafi ama evocare e far rivivere con i suoi personaggi una memoria emotiva, così con la terra realizza forme che guardano al passato come ad un paradiso perduto, da riconquistare sollecitando emozioni assopite o schiacciate dalla realtà del presente.
Silvia Imperiale

...Palmyra, l'ultimo progetto espositivo di Giorgio Crisafi, attraverso cui l'artista/attore pone al centro dell'attenzione il valore dell'immagine, intesa nel suo essere custode significante di memoria, simbolo di resistenza verso la barbarie. Una figura allegorica, a tratti immaginaria, grazie alla quale si compie l'atto di salvataggio e trasmigrazione del passato, delle sue icone e dei suoi simboli. Crisafi mette in scena nel teatro dell'arte figure primordiali, maschere ancestrali, personaggi antichi e vittime/superstiti del dramma di questo nostro tempo. 
Lorenzo Fiorucci

Per scoprire la profondità dell'installazione Giacimento di Giorgio Crisafi, il visitatore deve sporgersi all'interno di un vecchio fusto di petrolio arrugginito, sul cui fondo biancheggia la testa di un bambino in ceramica smaltata. Su un blocco di argilla poco distante, un paio di scarpette sembrano raggelate e si specchiano nella loro orma... Come volendo esorcizzare un'immagine che persiste nella retina, Crisafi cita e rielabora la figura del piccolo Aylan, il bimbo naufragato sulle coste della Turchia e divenuto icona della tragedia dei migranti in cerca di fortuna al di qua del Mediterraneo. Tra liquidità del mare e liquidità del petrolio, causa di tutte le guerre, alberga una speranza accentuata dal contrasto tra il bianco dello smalto e il bruno della ruggine: che il bambino stia solo dormendo e che possa essere seme di vita futura.
Francesco Paolo Del Re

Giorgio Crisafi presenta i suoi “ Animali da palcoscenico”, appoggiati su una base di legno consumata dal tempo e rende tutta la “messa in scena”, comprensiva anche di un drappo nero che avvolge tutta la composizione, fortemente suggestiva.
Alfonso Talotta

Se c’è un modo nuovo dell’arte ceramica di proiettarsi nel futuro alla ricerca del senso della propria contemporaneità è proprio quello di richiamarsi alla materia ancestrale, alla terra, alla natura, alla memoria. Riportare alla luce  radici scoperte per guardare avanti prima degli altri... Giorgio Crisafi riproduce  modelli  di contenitori d’uso comune ma li simbolizza come reperti di memoria fatti d’argilla, bucati e  trafitti di luce.
Gianna Besson

Sculture in ceramica (selezione)

Foto delle opere di Gianfranco Tomassini e Giuseppe Schiavinotto
Coppiarame
Collorotre
Guerritore
Madonna del cordellone.jpg
Madonna del cordellone
Copia di Soltanto incanto.jpg
Soltanto incanto
Copia di Vipera.jpg
Vipera
Copia di Capitolazione di S.Giorgio.jpg
Capitolazione di San Giorgio
27-TENGU 2005.jpg
Tengu
Copia di Drago a cavallo.jpg
Drago a cavallo
Copia di Elefantodi.jpg
Elefantodi
Copia di Testarda mente.jpg
Testarda mente
Copia di Realmente.jpg
Realmente
Serie "Legami" 
10- legami 008 cm. 220 (altezza).jpg
12- legami 010 cm.190 (altezza).jpg
13- legami 013 cm. 210 (altezza).jpg
17- legami 019 cm.200 (altezza).jpg
19- legami 023 cm 180 (altezza).jpg
18- legami 022 cm.230 (altezza).jpg
8- legami 003 cm.220 (altezza).jpg
legami 002.jpg
28-TRE, 2008.jpg
Serie "Oggetti di scena" 
26-TAMI 2005.jpg
33-Chicchere.jpg
san ciocotato.jpg
21.CASATA 2006.jpg
becco e cornuto.jpg
32-Chicchere.jpg
Studio.JPG
Copia  di 20121014_154415.jpg

In Crypta

Catalogo Mostra Foto di Jasmine Pignatelli
737131_640859135994447_1279073398006758419_o.jpg
1979930_640859142661113_4356747636295916777_o.jpg
10296427_640859145994446_7908719367853167978_o.jpg

LA SCULTURA CERAMICA CONTEMPORANEA IN ITALIA alla GNAM: 11 marzo - 7 giugno 2015

Video presentazione Foto di Paolo Emilio Sfriso
foto gruppo ceramica.jpg

Giorgio con soltanto incanto e totem.jpg

Questa è l'acqua

questa è l'acqua 2.jpg
Locandina con figura.jpg
P1040278 copia 2.JPG

Pietra Liquida

Catalogo Mostra Foto di Mario Cozzi e Paolo Emilio Sfriso
Giorgio-Crisafi-GIACIMENTO-particolare-2016.jpg
Giacimento (bambino).jpg
042__DSC6617.jpg

Keramikos 2016

"Animali da palcoscenico" 2011-2016
invito.jpg
P1090421 copia.JPG
P1090505 copia.JPG

Il sole negli orci


invito Il sole negli orci (foto) copia.jpg
Il sole negli orci (foto).jpg